Sebastiano Riso, il regista di “Una famiglia” aggredito e vittima di insulti omofobi: 10 giorni di prognosi

Il film tratta il tema controverso della pratica dell’utero in affitto e racconta la storia di una coppia (interpretata da Micaela Ramazzotti e Patrick Bruel) che fa figli per venderli clandestinamente.

Gli hanno urlato insulti omofobi e l’hanno aggreditonell’androne della sua casa di Roma. La vittima è il regista Sebastiano Riso, attualmente nelle sale con Una famiglia, il suo ultimo lavoro che parla della compravendita clandestina di neonati.

Il fatto è accaduto ieri, 2 settembre, intorno alle 17. Riso è stato portato al pronto soccorso dell’ospedale Fatebenefratelliall’Isola Tiberina, dove i medici gli hanno riscontrato una contusione della parete toracica addominale e un trauma della regione zigomatica con edema alla cornea. La prognosi è di 10 giorni.

Riso, dichiaratamente omosessuale, in Una famiglia racconta la storia di una coppia, interpretata da Micaela RamazzottiPatrick Bruel, che fa figli per poi rivenderli illegalmente a chi – etero o gay – di bambini non può averne. E tra le coppie che si rivolgono a loro ci sono anche Giorgio e Federico, disposti a pagare 80mila euro per un bambino. Gli insulti urlati dagli aggressori di Riso si riferivano anche ai contenuti della pellicola, in concorso al festival di Venezia.

da Il Fatto Quotidiano

Commenti

commenti



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *